Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
Di webmaster (del 20/10/2006 @ 23:34:57, in ITALIANO, linkato 1281 volte)

Emanuele aveva 25 anni, era un flautista e scriveva poesie... aveva un sogno: suonare un giorno insieme ad Angelo Branduardi.

Lascia che sia
 
Quand’ero piccolo feci un aquilone
di pensieri di stoffa e di ali di cartone.
 
Poi c’appesi un foglio che diceva nel vento:
vola aquilone vola contento
lascia che sia, non pensarci è un momento
 
non guardarti dietro: pensa al niente
e come una nuvola in cielo sarà la tua mente.
 
Senza filo ne ali dalle mie mani volavi via
nuvola semplice: lascia che sia.
 
Alla gente indicavo con le dita
quell’aquilone che volava via:
quell’aquilone era la vita.
  
Emanuele Marceddu

Questa è l'ultima poesia che ci ha regalato Emanuele...
l'ha scritta circa 20 giorni prima di volare in cielo...

"ti voglio bene Manu, ovunque tu stia volando...
ciao mio fratellino con le ali..."

Lucia

Articolo (p)Link Commenti Commenti (15)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di webmaster (del 17/10/2006 @ 01:52:28, in ART, linkato 1582 volte)

 

"Un giorno all'improvviso la luna si stancò di guardare il mondo da lassù, prese una cometa, il volto  si velò e fino in fondo al cielo camminò.
E sorpresa fu che la bianca distesa non fosse neve. Eran solo sassi e i piedi si ferì........"
Raffaella De Giudice
Articolo (p)Link Commenti Commenti (23)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di webmaster (del 16/10/2006 @ 21:31:28, in ITALIANO, linkato 1230 volte)

La mia ispirazione mi è stata passata dai miei genitori che da bambina mi hanno insegnato a cantare "alla Fiera dell'Est" al posto dei girotondi di moda. Ora sono mamma è ho fatto lo stesso con i mie bambini ma la loro canzone preferita, perchè possono dirmi che tutto si puó anche quando li sgrido, resta "Si puó fare". Crescendo capiranno cosa si intende davvero in quelle strofe, per ora mi piace vederli giocare con le parole di uno dei miei poeti preferiti.

La mia aspirazione invece è quella di riuscire a far cantare un coro di bambini della Scuola Elementare di Taverne (Lugano - CH) a Natale su un palco montato nel Nucleo del paese "L'uso dell'amore".

So che il Signor Branduardi abita vicino a noi e se il 15 dicembre 2006 avesse tempo e voglia di passare da Taverne, sarebbe sí un gran regalo di Natale. Non potrà essere, lo so, ho lavorato per tanti anni in ambito teatrale e musicale, anche presso il Conservatorio di Lugano dove studia sua figlia Maddalena, e ho avuto la fortuna di conoscere tanti artisti di fama internazionale; conosco bene il loro lavoro e cosa sta dietro ad ogni loro spostamento.

Ho scelto di dedicarmi all'insegnamento mettendo a frutto l'esperienza acquisita e gli studi compiuti per passare ad altri, piccoli e grandi, quello che so.

Fargli sapere che una delle tante sue appassionate ascoltatrici, farà questo è un modo come un altro per immaginare di averlo lí ad ascoltare vocine emozionate che cantano le sue parole.

Grazie. Simona Puiatti ( L'Aquila)

Articolo (p)Link Commenti Commenti (17)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di webmaster (del 16/10/2006 @ 21:22:03, in ITALIANO, linkato 1618 volte)

Credi, credi che io sia ancora qua?
Credi che io sia ancora qua
A contare tutte le mie lacrime?
Lo credi…?
L’acqua scivola dalle mie mani
Mi bagna, mi sommerge.
Che strano mondo (sotto)
E io tra acqua e lacrime…
Tra acqua e lacrime…
Acqua e lacrime.
La verita’ e’ che ,
e’ che sono trasparenti
E pure
Come me.
Credi, credi di essere vero?
Credi, che io ti veda VERO?
LO CREDI?
E IO TRA ACQUA E LACRIME…
TRA ACQUA E LACRIME…
ACQUA E LACRIME.
 
 
Alessandra Benedetti 14/09/06

Articolo (p)Link Commenti Commenti (19)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di webmaster (del 13/10/2006 @ 00:27:18, in ITALIANO, linkato 1506 volte)

Settembre 30, 2006

Ieri ho realizzato un mio sogno da ragazza.
Ho scoperto la musica di Angelo Branduardi negli anni belli della giovinezza e l'ho scelto come il poeta del mio viaggio. Incontrai la poesia di Yeats grazie ad uno splendido disco di Branduardi che mise in musica sue liriche di commovente bellezza; ed è stata la passione per il poeta irlandese che mi costrinse un giorno ad aprire una conversazione con un appena conosciuto ragazzo inglese. Andammo insieme a vedere una rappresentazione teatrale su Yeats, a Roma, ascoltammo insieme su cassetta tdk D46 (roba jurassica) le dieci ballate cantate da Branduardi( Il violinista di Dooney, Quando tu sarai..., Nel giardino dei salici, Innisfree...) raggomitolati sul divano nella penombra delle candele e la pizza troppo freddda, nei 40 metri quadrati di quell'appartamento romano che era ed è nella memoria lo spazio sacro delle nostre emozioni.
Oggi quel ragazzo inglese è mio marito; ancora ascoltiamo Branduardi e ci commoviamo con lui.
Le mie figlie hanno saltato sui letti, urlato a pieni polmoni, canticchiato in macchina tutte le ballate del topolino della fiera dell'est, del cogli la prima mela.
Il poeta era con noi in ogni trasferimento di casa...poi l'Infinitamento piccolo ovvero il canto a Francesco D'Assisi...persino la preghiera nostra si arricchiva delle intuizioni poetiche di quel CD.
Ricordo la solitudine di alcuni giorni nella casa inglese, davanti all'icona di Francesco e il canto del poema che mi riportava nell'immaginazione agli anni vissuti nella terra sabina, ad Assisi, a Spello. Struggente malinconia della bellezza!
Mentre mi muovo tra lo spazio lombardo e vivo il senso di essere qui come un momento di passaggio, forse il meno poetico, della mia vita ecco che la storia mi contraddice.
Tra le fabbriche e le superstrade di uno dei paesaggi più sciatti d'Italia, in una chiesa di cemento, anonima, di periferia, a soli 5 minuti dalla casa dove vivo attualmente, Branduardi ha richiamato 600 persone per il concerto di "Infinitamente piccolo".
Ed io ero là in prima fila; ho letto i vent'anni negli occhi di tutti quei coetanei oggi madri e padri che cantavano con me. Nel giorno degli Arcangeli, la poesia è venuta a trovarci. Ero felice, per me, per loro.
Ho atteso la fine dello spettacolo e consegnato a Branduardi una mia lettera dove racconto la mia stima per lui come artista, gli ho stretto la mano con riconoscenza mentre lo guardavo dritto negli occhi. Lui non sapeva: era uno strumento artistico con cui il cielo mi cantava una canzone. A me, come a loro.
Ero io, eravamo noi tutti, i veri protagonisti di una ballata che era il cantico della nostra vita.
Grazie, grazie Angelo!
 
Angela

da "The Rose" (1893) William Butler Yeats

When You are Old and Grey and Full of Sleep

When you are old and grey and full of sleep,
And nodding by the fire, take down this book,
And slowly read, and dream of the soft look
Your eyes had once, and of their shadows deep;

How many loved your moments of glad grace,
And loved your beauty with love false or true,
But one man loved the pilgrim soul in you,
And loved the sorrows of your changing face;

And bending down beside the glowing bars,
Murmur, a little sadly, how Love fled
And paced upon the mountains overhead
And hid his face amid a crowd of stars.
 
Articolo (p)Link Commenti Commenti (22)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Pagine: 1
Ci sono 473 persone collegate

< aprile 2018 >
L
M
M
G
V
S
D
      
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
           

Search in the blog
 

Titolo
ART (30)
DEUTSCH (8)
ENGLISH (2)
ESPAÑOL (1)
FRANÇAIS (2)
ITALIANO (62)
Songs (13)
Video (11)

Catalogati per mese - Listed by month:
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018

Gli interventi più cliccati

Ultimi commenti - Last Comments:
I just wanted to tel...
15/05/2012 @ 10:58:33
Di cheap beats
The theme is anacreo...
15/05/2012 @ 09:56:35
Di michael kors outlet
Make your selection ...
15/05/2012 @ 09:56:15
Di michael kors outlet

Titolo
Photos (27)

Le fotografie più cliccate

Titolo
Ti piace questo blog?

 Fantastico!
 Carino...
 Così e così
 Bleah!

Titolo

Il Sito ufficiale della Lauda

Angelo Branduardi Channel Il Canale YouTube di Branduardi dove trovare i migliori video.

Branduardi-ans - la Mailing List Ufficiale

Branduardi su MySpace 

Branduardi su Facebook