Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
Di webmaster (del 27/06/2007 @ 12:00:21, in ITALIANO, linkato 822 volte)


IL TRIONFO DELLA MORTE

di Alessandro Simonetti.


 
Per motivi di lavoro ho vissuto alcuni anni a Bologna, durante questo periodo fui piacevolmente “costretto” ad avvicinare opere memorabili di artisti “maggiori” e “minori” e a manipolarle con , non nego, grande orgoglio misto ad una notevole “fifa” datami dalla responsabilità di operare per salvare l’estro e l’idea di chi, molti secoli prima, aveva avuto l’intenzione di comunicare un messaggio, attraverso un codice sublime ma vittima dello scorrere del tempo.
In uno dei miei tanti sopralluoghi in san Giacomo Maggiore, tra le impalcature e le polveri, osservai un grande spazio libero presente nella cappella Bentivoglio, non vi era alcuna indicazione circa la tela che lo occupava…
Ritornai al mio lavoro e, successivamente, cercando uno dei collaboratori, passai per uno stretto corridoi laterale, oscuro e ostile a causa dei materiali depositati, quando, in una cappella secondaria, adagiato contro una parete, mi apparve, immenso, il Trionfo della morte, opera a me “saccente” quasi del tutto sconosciuta.
Rimasi molto tempo a contemplare la tela e , magicamente, in me risuonavano le note del “Ballo in Fa diesis minore” di Branduardi.
La Morte Regina, sedeva in trono, con la falce per corona, e ci ammoniva, me e i personaggi, della sua potenza e della sua necessità.
Tutti nella circonferenza del tempo e del cielo a lei ci inchiniamo e, pur se falsi indifferenti, evitiamo di guardarla in faccia, l’inganniamo con il gioco e il suono, nella speranza che dimentichi il suo ruolo… ma Lei di tutti noi è “signora e padrona”, è maestra e misura della finitezza degli egoismi e dell’immensità dell’amore, dominatrice assoluta della Fine a cui l’uomo ha risposto con l’eternità dell’arte e dell’armonia.
Il tema del trionfo della morte è possibile rintracciarlo nelle arti figurative della fine del XIII, del XIV, del XV e del XVI secolo.
Molto interessanti, a questo proposito, sono gli affreschi della cappella inferiore del monastero di San Benedetto a Subiaco , dove si trova anche uno delle prime raffigurazioni, ritenuta originalissima, di san Francesco d’Assisi.
Buona ricerca!

Lorenzo Costa: “Trionfo della morte” -1490.

Lorenzo Costa (Ferrara 1460 ca. – Mantova 1535), pittore italiano, formatosi alla scuola ferrarese, dal 1483 lavorò a Bologna.
Gli anni dal 1488 al 1490 rappresentano il periodo di maggiore attività artistica del pittore, proprio in questi anni gli furono commissionate da Giacomo II Bentivoglio le grandi tele per la cappella di famiglia presso la chiesa di San Giacomo Maggiore: Madonna in trono adorata dalla famiglia del committente (che occupa lo spazio centrale corrispondente all’altare della cappella) – Trionfo della fama (su un lato) – Trionfo della Morte (direttamente sul lato opposto al Trionfo della fama).
La colta, classicistica e “inquieta” produzione dell’artista, lo porta ad operare presso i maggiori committenti del periodo, ma, stranamente, dopo la caduta dei Bentivoglio, dopo essersi trasferito a Mantova ed aver lavorato per lo Studiolo dell’illuminata Isabella d’Este, il Costa vede inaridirsi la sua vena creativa e dopo il 1525 non dipinse più…

Articolo (p)Link Commenti Commenti (2)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di webmaster (del 23/06/2007 @ 19:06:17, in ART, linkato 1083 volte)

...Una delle mie prime illustrazioni che ho fatto ascoltando le confessioni di un malandrino...più di dieci anni fa credo. L'ho ritrovato in fondo ad un cassetto...

Maria

 

Illustrazione di Maria Distefano

 

(Particolare)

Illustrazione di Maria Distefano (particolare)

Articolo (p)Link Commenti Commenti (14)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di webmaster (del 20/06/2007 @ 23:38:02, in ITALIANO, linkato 1051 volte)

 

"Il cammino verso Santiago". Santiago de Compostela ha rappresentato, in un'epoca ormai troppo lontana, uno dei centri più importanti della Cristianità; doveroso per ogni buon cristiano, era l'intraprendere il santo pellegrinaggio che, attraverso vari popoli e terre , giungeva alla città santa dove, si dice, riposino le spoglie di San Giacomo (Sant 'Jago o Sant'Iago in lingua ispanico-portoghese). II viaggio periglioso e lungo, spesso senza mezzi per scelta di penitenza o per necessità, si concludeva alle volte della magnifica cattedrale, dove quel che restava dei pellegrini sconvolti e stravolti da tale impresa, spesso si trovavano a danzare e cantare versi e musiche non completamente sacre. Vicinissima alla Città Santa si trova Finisterre, il mitico luogo dove il mondo finisce...
Sicuramente, per quei tempi, la prospettiva di un tale viaggio era priva di un progetto di ritorno, pertanto i pellegrini vivevano, consapevoli dei rischi che si correvano, l'esperienza di un percorso dove certa era la meta ma insicuro il passaggio e allora nella dimensione di un eterno presente, incominciavano a vivere solo il viaggio, giorno per giorno, passo dopo passo, e una nuova vita, nella quale, spesso, abbandonando i soliti ruoli e le convenzioni urbane, si scoprivano uomini liberi e vivi di una nuova santità.
Ascoltando Calenda Maia in Futuro Antico I, è possibile cogliere le innumerevoli sfumature del clima emotivo, morale e, soprattutto umano, che si realizzava nel pellegrinaggio verso Santiago: insieme ai santi danzavano la càbala, l'alchimia, i guaritori, i mercanti, i ciarlatani, gli spiriti, i demoni, i vecchi e i nuovi dei degli uomini.

 

IL CAMMINO VERSO SANTIAGO

   Se ho ascoltato le lente cantilene di vecchi borghi affumicati d’inverno 
 E ho camminato tutti i sassi malmessi per  strade assolate d’estate, 
Se ho respirato ogni  profumo tiepido di primavera, 
È stato per arrivare in un autunno generoso di colori arrossati 
E per trovare lo scopo di un viaggio pensato e immaginato, 
Nella visione di un miracoloso spettacolo di luci e di fuochi 
Che rendono chiara anche la più scura notte sul sagrato della cattedrale 
In fila i normali e, come animali, quelli che non sanno più andare. 
Il bello del mio viaggio è stato solo viaggiare 
Percorrere le affinità mutevoli dei popoli 
Che come un grande mare si muovono 
Sciogliendosi in molteplici voci e nuovi altari.
Tra tutti quelli che partirono molti si disorientarono
E nella religione persero la ragione e finirono per diventare 
Nuovi diavoli e inseguirono le forme pregevoli
di femmine  e denari, gli stessi demoni da cui fuggirono
li ritrovarono ad aspettare con musici magnifici
con canti strofici e ritmi alternati a ballare
le danze popolari le profezie e i rimedi pagani
per sanare le piaghe, dentro ai sandali, di piedi sanguinanti…
Io mi ricordo le immagini di volti di fanciulle,
che prima erano vergini, sorridermi e uccidermi i sonni disturbati
da incubi frenetici di inferni soliti e di nuovi peccati
appresi ed imparati per queste strane strade
sdrucciolevoli di umori intimi e di misericordie acquistate con monete penitenti
dei potenti che ci affliggono con gli zoccoli del loro pellegrinare inutile
verso il luogo dove si ratifica la vendita della perfezione ultima
che è stata già pagata da mille e mille poveri
collocati, per l’eterno, in un paradiso umile, come un mite inferno,
per fare posto, negli Inferi, agli eretici, ai poetici che gridano rivoluzioni
e fanno male ai popoli, per cui, è utile che cantino, ai redenti reggenti,
inni serafici, destrieri fotonici, che li spingono nell’empireo e tra i cori angelici
a riflettere la luce di quello stesso Dio che invece ha sudato un calvario per raggiungere
un trono altissimo crociato simbolo di gloria per innalzare noi che così umili
chiediamo l’elemosina di vivere ….
Santiago compie il miracolo di scoprirmi piccolo e inutile
nel sapermi vivo e vegeto e  voler incidere nella storia…
Alla fine felice? Inconsapevole a meta raggiunta!
Non conosco quelli dei miracoli, ma ogni tanto gridano
e tutti gli altri credono ai monaci e dopo tutto anch’io
forse solo per l’unguento e il mite companatico insipido
che aggiusta il digiuno nell’anima e nello stomaco rimbombano
gli echi mistici dei cantici e i lamenti tipici degli acciacchi cronici
che soffre chi riprende il solito itinerario per percorrere il ritorno
a quella vita ordinaria da cui siamo fuggiti in cerca del miracolo
per sanare l’anima dall’accidia e dall’invidia per chi afferra
la sorte e non litiga un misero salario e gode delle favole,
camminando tra le nuvole…

A. Simonetti

 

STELLA MATUTINA  -  Musica tratta dal "Libro Vermeil",  eseguita da Angelo Branduardi

   

Articolo (p)Link Commenti Commenti (2)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di webmaster (del 15/06/2007 @ 21:17:51, in ITALIANO, linkato 785 volte)

Questa volta si tratta della signora Bovary, che ha percorso gli audaci sentieri borghesi e l'intrepido perbenismo ottocentesco, per affermare il suo diritto alla felicità e, come tante altre figure femminili dell'universo branduardiano, alla fine sorvola e supera i confini del bene e del male per essere una tipologia di personaggio eterno.

Alessandro Simonetti.



INFINE
 
Emma è morta!
Aveva già scritto il suo finale
D’arsenico amaro, rabbia e disillusione.
Ha avuto ragione della sua corsa e della sua vita inventata,
è arrivata sola, prima e ha detto basta.
La sua recita era ormai degenerata
In uno squallido spettacolo ordinario
E ogni suo calendario segnava un anno in più
Di solitudine e di malinconia.
Emma portava in giro un baule pieno d’illusioni
E impegnava a caro prezzo ogni sogno e aspirazione
Di vivere una vita non banale
E del farsi male giocava il rischio.
E male te ne sei fatta fino in fondo…
Ma a te è piaciuto cucire amore ad amore,
passione a passione
egoismo e tenerezza,
e così hai ordito il canovaccio scucito
che è stata la tua vita.
Ora con gli occhi chiusi, distesa su un letto normale,
d’intorno contano le tue ragioni o i tuoi mali,
li ascolti?
Dispiacere, rabbia, dolore, indifferenza e il ”ben ti sta”,
sono queste le condoglianze che incensano la tua sera!
Se ogni fiore che nasce sbocciando tra i sassi
Sapesse quanto, il suo esser bello, gli costa e
Pagar caro, alla luce e all’arsura del deserto, il tributo,
ripiegherebbe nella terra scura e a nessuno mostrerebbe la sua corona…
ma la natura gli impone lo stare dritto e manifesto,
l’esporsi al cielo, al vento, alle tempeste,
agli insetti, agli uomini e alle cose…
e così si aspetta e spera in cose belle:
d’esser ben raccolto e mai calpestato,
d’essere un fiore sempre amato.
Infine, se nessuno lo porta via,
passato il giorno, insieme, il fiore declina
nella comune fine.
Tu, Emma, hai scelto il tuo compianto
E ne hai avuto vanto nelle tiepide albe della primavera,
negli odorosi respiri di maggio,
tu ancora sei viva, anima amante dei sogni e delle speranze.
 
A. Simonetti

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di webmaster (del 11/06/2007 @ 18:25:40, in ART, linkato 1232 volte)

Illustrazione di Maria Distefano

Anche a me piace molto Angelo Branduardi e mi sono ispirata molte volte
alla sua musica...

Maria Distefano

Articolo (p)Link Commenti Commenti (19)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di webmaster (del 09/06/2007 @ 22:58:06, in ART, linkato 4353 volte)

Disegno di Remo Fuiano

Articolo (p)Link Commenti Commenti (41)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Pagine: 1
Ci sono 72 persone collegate

< aprile 2018 >
L
M
M
G
V
S
D
      
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
           

Search in the blog
 

Titolo
ART (30)
DEUTSCH (8)
ENGLISH (2)
ESPAŅOL (1)
FRANĮAIS (2)
ITALIANO (62)
Songs (13)
Video (11)

Catalogati per mese - Listed by month:
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018

Gli interventi pių cliccati

Ultimi commenti - Last Comments:
I just wanted to tel...
15/05/2012 @ 10:58:33
Di cheap beats
The theme is anacreo...
15/05/2012 @ 09:56:35
Di michael kors outlet
Make your selection ...
15/05/2012 @ 09:56:15
Di michael kors outlet

Titolo
Photos (27)

Le fotografie pių cliccate

Titolo
Ti piace questo blog?

 Fantastico!
 Carino...
 Così e così
 Bleah!

Titolo

Il Sito ufficiale della Lauda

Angelo Branduardi Channel Il Canale YouTube di Branduardi dove trovare i migliori video.

Branduardi-ans - la Mailing List Ufficiale

Branduardi su MySpace 

Branduardi su Facebook