Angelo Branduardi in Bad Pyrmont 

21st July 2007

Photos by Volker, Johanna and Elke Quednau

Comment by Elke Quednau - Traslation: Jeannine Renaux

 

 

 

 

Ogni fan è esaltato quando si reca ad un concerto del sua musicista preferito, ma questa volta mi sono sentita  come se avessi ingurgitato droghe – stavo planando come un aquilone, anche alle  5:30 del mattino. Quando ho guardato i miei mails, c’e n’era uno di Susanne che aveva previsto di venire anche lei. Sfortunatamente la sua collegha di lavoro si era ammalata e doveva lavorare. Potete immaginarvi la sua delusione? Povera Susanne!!!! Aveva giunto una poesia per Angelo, e cosi l’ho stampata su carta e ho preparato una busta con I saluti di alcuni Bran.-ans. Era il minimo che potessi fare!

Penso di avere già detto che sono più o meno cresciuta sull’isola del castello e sono andata a scuola e fatto la festa li, per anni. Questo ha fatto, che per me , quel concerto era ancora più speciale. Durante gli ultimi giorni ho preparato il poster ed un album contenente tutti i documenti che annunciavano Angelo, in modo di avere un buon posto per un autografo.

Sabato non ne potevo più di aspettare per andare a Bad Pyrmont ho fatto un giro in citta – nella speranza di incontrare Angelo. Dopo un paio di colpi di telefono , Bärbel, Volker ed io c’incontriamo per prendere un gelato ed un caffe assieme. Nella gelateria ci informano che Angelo e stato visto nella via commerciale principale, qualche minuti dopo che io ci fossi stata.

Sulla strada par andare a salutare i miei genitori, mi sono fermata al castello. Dal muro di recinta che sorpiomba il cortile, potevo vedere i musicisti mentre stavano preparando i loro strumenti e facevano le prove dei suoni. Visto che conoscevo tutti i sentieri sull’isola, mi sono servita di un entrata sotterranea per vedere il dietro-scena. Davide stava cercando qualcosa nella sua borsa. Se avessi saputo che parlava inglese, avrei potuto parlargli. Mi sono accontentata di scalare il muro, tremante e con un enorme nodo allo stomaco. Si e girato e mi ha sorriso!

Quando sono risalita sul muro, il mio cuore ha smesso di battere quando ho visto Angelo sulla scena. Era arrivato, era davvero nel “mio” cortile! Dopo aver fatto una foto di lui che stava facendo le verifiche dei suoni sono uscita dal tunnel, ma era dalla cattiva parte della scena. C’era troppo materiale e troppi tecnici tra Angelo e il mio apparecchio fotografico. Quando ho ritrovato il respiro, sono andata sull’altro lato e potevo vedere Angelo innervosito sulla scena. L’ho tenuto nell’obiettivo del mio apparecchio a lungo, sperando che guardasse su. Ma non l’ha fatto.

Alle 17.30 e stato chiesto a tutti I visitatori di lasciare l’isola – per assicurarsi che nessuno entrasse di nascosto e avesse il concerto gratuito. Finalmente sono andata a salutare mia mamma, prendere mia figlia Johanna ed il poster. Quando siamo tornate al castello 30 minuti più tardi, c’era già la fila. Cosi c’erano altri fans che stavano arrivando anche loro! Col poster in mano e stato facile legare con gli altri ed ho parlato del nostro gruppo. Una signora aveva indossato un T-Shirt Caminando Caminando e ci ha detto che conosceva soltanto Sandra Bloh. Tutti erano impressionati dai numerosi paesi e sopratutto dai paesi sud-americani! Bärbel e Volker sono arrivati ed il tempo passava e mi rendeva impaziente di entrare e di trovare un buon posto. La prima fila era stata riservata agli ospiti speciali, cosi c’era da affrettarsi! In quel momento preciso ho ricevuto un SMS di Susanne, visto che non sapeva se avevo ricevuto il suo mail . Yahoo avra nascosto la mia mail di risposta. Pensavo che avrei potuto chiamarla durante il concerto, per farle sentire un attimo la musica, ma era stato chiesto di spegnere tutti i cellulari durante il concerto.

Quando I cancelli si sono aperti, era come in Germania dell’Est quand’era ancora chiamata la Deutsche Demokratische Republik e c’erana Bananas in vendita. Tutti stavano spingendo per essere i primi. Visto che la gente andava soltanto fino alla meta delle file di sedie, ho fatto il giro dalla parte opposta ed ho trovato posto nel centro della terza fila. Johanna ed io , abbiamo tenuto il posto per Bärbel, Volker ed anche per mia sorella Ulrike . Tutto era perfetto. Sto pensando che appena 2 minuti dopo essere entrati nel cortile, le 10 prime file erano gia complete. Non tutti hanno rissentito il bisogno di essere davanti e la gente ha continuato ad arrivare. Mia sorella pensava, che avrebbe preso il posto di un vero fan, ma durante il concerto, ha realizzato di essere una fan lei stessa ed era completamente soggiogata dalla prestazione.

Di solito  quando andiamo ad un concerto, si passa al controllo: non sono autorizzati  bottiglie (di plastica), alimenti, ombrelli, sedie pieghevoli e nemmeno cineprese. Ma non e successo qui a Bad Pyrmont – avremmo potuto entrare armi, bombe, bottiglie di vodka e tutte le cineprese col treppiede che volevamo. Ero sbalordita! Se l’avessi saputo, avrei entrato una grande bottiglia d’aqua. Magli organizzatori che proponevano bibite e ristoro durante la prestazione, volevano vivere anche loro, cosi Johanna ed io ci siamo presi  una minuscola bottiglia d’aqua ed un Brezel ciascuna.

Alle 19.30 si e coperto il cielo ed ha cominciato a piovere. Alcuni seduti sui bordi, aprivano il proprio ombrello, ma noi, seduti nel centro, sentivamo soltanto il rumore della pioggia. Avevano istallato posti supplementari per potere vendere più biglietti ma erano bagnati. Alcune persone, sedute in quei posti, hanno portato le sedie nei posti liberi sotto gli grandi ombrelloni (Quando hanno costruito questi grandi ombrelloni, tutti criticavano il costo ed il gigantismo, ma quando sono aperti, e davvero magico e cosi tanti soldi sono utilizzati in altre cose inutili – questi sono soldi spesi bene!)

In quel momento hanno fatto un annuncio. Per ragioni di Copyrights, foto e registrazioni non erano autorizzate durante il concerto. I nostri visi si sono imbrunati!  Ero rassegnata e decisi di registrare il concerto nella mia mente, dove nessuno poteva portarlo via.

 

 

 

   

 

Il Concerto >>

 

 

         


index