\\ Home Page : Articolo : Stampa
IL MIO BELLISSIMO UOMO
Di webmaster (del 09/03/2008 @ 13:57:42, in ITALIANO, linkato 1002 volte)

...Dopo una serie di quasi "furiose" discussioni avute con la mia cara e "crudele" signora della posta elettronica, sono stato costretto a soccombere e ad inviare un testo che secondo Sua Signoria:" [dovrebbe essere] un bel lavoro e [potrebbe essere ]quasi una risposta al testo di Vecchioni  "La donna della sera" mirabilmente interpretata dal maestro"....

Alessandro.


IL MIO BELLISSIMO UOMO

Sento lento tra i denti
il respiro affannato.
Dei sogni agitati viaggiano  invano nelle stanze di anime:
fantasmi e ologrammi,
ghirigori e linee
illuse tra le favole deluse e avvizzite
da inconsulti  spasimi
desueti se non cogli
l’essenziale  giallo dei colori, calore del calmo sole virile
ma di questo maggio
che ha sapore del sale
di luglio e l’odore sudato d’estate assolata…
Steso tra bianche linee
di tela o di lino
il tuo corpo come un ricettacolo di alture e declini…
io non ho mai compreso
il senso del tuo allungarti
tra i cuscini fai posto al tuo destino?
Se mi sveglio e
ti guardo
noto la mia compiacenza di averti vicino:
un rifugio sicuro
se dormi e non parli,
un punto fermo nel mio cammino.
Si è troppo grandi
per vivere l’adolescenza
di un amore impudico e nutrirsi di alibi
per non soccombere
al logorio inevitabile delle passioni…
Il mio bellissimo uomo,
ho capito che amare è un invito
ad un lungo banchetto dove mangi la manna
di una compagnia certa e affabile
di silenzi e brontolii,
di calore asciutto che mi scalda l’anima
E ad ogni risveglio,
ti amo di più,
non tremo e se mi avvicino…
Riempio soltanto un vuoto che trascino da bambina.


A. SIMONETTI