\\ Home Page : Articolo : Stampa
Poesie di Alessandra Benedetti
Di webmaster (del 01/09/2006 @ 19:41:08, in ITALIANO, linkato 1520 volte)

Alessandra Benedetti  

Nata a Fabriano il 30 marzo 1982  

Dopo essersi diplomata come tecnico abbigliamento e moda, lavora da 5 anni nel settore dell’ arredamento come venditrice e progettatrice d’interni.. 

Amante del teatro, da anni recita in compagnie amatoriali dialettali, ma solo da un anno frequenta con passione una vera e propria scuola di teatro nella sua Fabriano. 

Partecipa con fervore al palio S. Giovanni Battista, rievocazione storica della sua città, mettendo in rilievo il suo amore per le scene di vita medioevale in genere. 

Le suggestioni evocate dalle musiche del Branduardi ispirano in lei idee di leggerezza, libertà Cristiana e una vera passione in genere per il maestro.

 

Per Info: ale.pinturicchio@libero.it

 

 

 

 

NOTTE                                       
Sono nella notte 
Soffia il vento tra gli alberi
Concerto di grilli
Non ho paura
C’è la luna a tenermi compagnia 
Tu sei lontano 
Immerso in un’altra notte
Ma non ho paura
C’è la luna a tenermi compagnia
Tu lo dicevi sempre
Quando ti senti solo 
Guarda la luna
Ti farà compagnia
C’è lassù chi ti ama
C’è Dio a tenerti compagnia
Ora lo so
Vago nella notte senza metaLa  luna mi dirà dove andare
Non ho paura
C’è la luna a tenermi compagnia
Sono nella notte
Sono nella notte…
… non ho paura…
Ora sono io la notte. 

  Alessandra, 16/09/2005

 

  AL MAESTRO ANGELO BRANDUARDI

A VUE CHE SETE LO MAESTRO
DE LO CANTO E DE LA MUSICA ,
A VUE QUESTO SEMPLICE PENSIERO
CHE DAL CORE VENE SU INCIMA ALLA GOLA
E SGAPPA DA LA VOCCA
QUASI SENZA UN RITEGNO
QUASI SENZA PRETESE
MA PIENO DE TANTA LIVERTà.
VE PREGO DE CONTINUA',
A RACCONTAMME STE POESIE,
E IO LE ASCOLTERO'
COME NA MUNELLA
CHE VICINO AL LO FOCO,
ASCOLTA RACCONTI ANTICHI.
GRAZIE MESSERE
PER LE TANTE EMOZIONI
E PE L’AVè IMPUGNATO QUEL VIOLINO,
QUANNO ANCHE VUE ERAVATE MUNELLO
E NON VEL SARESTE CRISO
CHE TUTTA STà FORTUNA
SAREBBE PASSATA DA QUE LE CORDE.
GRAZIE MESSERE
Perché ME PARE DE VEDè TUTTO LO MONNO
QUANNO CHE SENTO STE CANZONI
SONATE DA VOI CON ANTICO FERVORE.
E INFINE GRAZIE MESSERE
Pè AVè PRESTATO ATTENZIONE
A STà PORA MUNELLA,
CHE ALTRO NON E'
NA VOSTRA AFFEZIONATA
MALANDRINA, CURIOSA E SENSIBILE
COME DIO VE L’HA PRESENTATA.

Alessandra